Decreto Sanità: tabacco solo a maggiorenni,tassa su bibite e superalcolici e certificato di medico sportivo per la palestra

agosto 27, 2012 0 Comments A+ a-

Il Ministro della Salute Renato Balduzzi 
Pronto il nuovo "decreto sanità", predisposto dal Ministro Renato Balduzzi. Tra le novità, multa salata per chi vende il tabacco ai minorenni, tassa per i produttori di bibite analcoliche e superalcolici (per ogni cento litri), video poker lontani da scuole e ospedali. Altra importante novità: chi si iscrive in palestra dovrà esibire un certificato medico di "sana e robusta costituzione" rilasciato da un medico sportivo. Non sarà più sufficiente il certificato del medico di famiglia

Il nuovo "decreto sanità" è pronto: il Ministro della Salute Renato Balduzzi ha confermato la bozza del provvedimento legislativo che sarà presentato al prossimo Consiglio dei Ministri

Si segnalano, in sintesi, le novità più salienti: 
  • Tasse su bibite e superalcolici. Viene introdotta una tassa su bibite analcoliche e superalcolici. In particolare, il testo della bozza di provvedimento stabilisce che "è introdotto per tre anni un contributo straordinario a carico dei produttori di bevande analcoliche con zuccheri aggiunti e con edulcoranti, in ragione di 7,16 euro per ogni 100 litri immessi sul mercato, nonché a carico di produttori di superalcolici in ragione di 50 euro per ogni 100 litri immessi sul mercato". Il denaro ricavato con questa nuova tassa sarà destinato "al finanziamento dell'adeguamento dei livelli essenziali di assistenza".
  • Multa per la vendita di tabacco ai minorenni. La bozza prevede per i rivenditori di tabacco " l'obbligo di chiedere all'acquirente, all'atto dell'acquisto, l'esibizione di un documento di identità, tranne nei casi in cui la maggiore età dell'acquirente sia manifesta ". In caso di vendita di tabacco ai minorenni, il rivenditore dovrà pagare una multa da € 250,00 ad € 1.0000,00, che diventeranno € 2.000,00 in caso di recidiva. Ma non è finita. Il testo prevede, ancora, che - nel termine di 18 mesi dall'entrata in vigore del decreto - "i distributori automatici per la vendita al pubblico di prodotti del tabacco (...) devono essere dotati di un sistema automatico di rilevamento dell'età anagrafica dell'acquirente. Sono considerati idonei i sistemi di lettura automatica dei documenti anagrafici rilasciati dalla Pubblica amministrazione". 
  • Video poker lontano da scuole, ospedali e luoghi di culto. In proposito la bozza del "decreto sanità" stabilisce che "Gli apparecchi idonei al gioco d'azzardo non possono essere installati all'interno ovvero in un raggio di 500 metri da istituti scolastici di qualsiasi grado centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente da giovani, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio assistenziale, luoghi di culto. Ulteriori limitazioni possono essere stabilite con decreto del ministero dell'interno, di concerto con il ministero dell'economia e delle finanze e con il ministero della salute". L'intenzione è quella di combattere la dipendenza dal gioco d'azzardo, sempre più diffusa soprattutto tra i giovani.
  • Elenco delle malattie rare. Vengono aggiornati i livelli di assistenza, in particolare per le "persone affette da malattie croniche, da malattie rare, nonché da dipendenza da gioco d'azzardo patologico... al fine di assicurare il bisogno di salute, l'equità nell'accesso all'assistenza, la qualità delle cure e la loro appropriatezza riguardo alle specifiche esigenze". 
  • Certificato del medico sportivo per l'iscrizione in palestra. Infine, novità prevista dalla bozza del "decreto sanità" è quella della necessità, per l'iscrizione in palestra, di un certificato di "sana e robusta costituzione" più dettagliato rilasciato da un medico sportivo (indubbiamente più esperto nel settore). Non sarà più valido, pertanto, il certificato rilasciato dal medico di famiglia.  
Appunto del 28 agosto 2012: in merito alla misura sopra indicata sono sorte polemiche tra i medici sportivi (favorevoli) e i medici di base (contrari). Nella serata di ieri, pertanto, il Ministro Balduzzi è intervenuto spiegando che si tratta soltanto di una proposta (che, come tale, sarà discussa e modificata) e precisando addirittura che si tratta di un refuso che non comparirà nella versione definitiva del provvedimento. L'intenzione è quella di invitare i medici di base ad una visita più approfondita del paziente, in particolare prevedendo la visita cardiologica (che attualmente, in molti casi, non viene effettuata), vista la maggiore incidenza delle patologie cardiache nei casi di morte di atleti, anche molto giovani.
FONTE: repubblica.it.

Roma, 27 agosto 2012
Modificato il 28 agosto 2012
Avv. Daniela Conte 

Studio Legale Avv. Daniela Conte & Partners


RIPRODUZIONE RISERVATA