Neonato nato prematuro muore all'Ospedale San Giovanni di Roma per latte in vena iniettato per errore

luglio 23, 2012 0 Comments A+ a-

L'Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma
Drammatico evento all'Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma: neonato nato prematuro è morto. Secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stato iniettato per errore latte in vena, al posto della soluzione fisiologica. Sequestrate le cartelle cliniche

Un bambino nato prematuro - di trenta settimane - è morto una decina di giorni fa all'Ospedale San Giovanni di Roma. Il neonato, figlio di una donna di origini filippine, era nato prematuramente all'Ospedale di Ostia; tuttavia, a causa della mancanza di posti, era stato trasferito al reparto di terapia intensiva dell'Ospedale San giovanni di Roma, dove era stato sottoposto a terapia.

Il neonato è morto e i genitori hanno presentato denuncia presso le Autorità competenti, che hanno effettuato i primi accertamenti, all'esito dei quali è emerso un fatale errore: sono stati scambiati i flaconi e al neonato è stato iniettato in vena del latte invece della soluzione fisiologica prevista. 

Le cartelle cliniche dell'Ospedale sono state sequestrate e le indagini continuano, anche in direzioni diverse da quella del semplice errore. 

Il Presidente della Regione Lazio Renata Polverini è stata informata di quanto è accaduto e ora l'Assessorato alla Salute farà approfondimenti. 

Roma, 23.07.2012       

Avv. Daniela Conte 

Studio Legale Avv. Daniela Daniela Conte & Partners 


RIPRODUZIONE RISERVATA