USA: la serie TV dei Simpsons potrebbe chiudere dopo 23 anni se i doppiatori non accettano un taglio degli stipendi

ottobre 05, 2011 0 Comments A+ a-

La famiglia Simpson
Anche questo è un segnale della crisi economica mondiale: la famosa serie TV "I Simpson" potrebbe chiudere dopo 23 anni.

La Fox, infatti, ha chiesto agli attori che doppiano i personaggi del popolarissimo cartoon di tagliare i propri compensi del 45%. Attualmente percepiscono uno stipendio annuale di 8 milioni di dollari. 

La casa di produzione spiega in una nota che "crediamo che questa serie brillante potrebbe e dovrebbe continuare, ma non possiamo produrre le future stagioni sotto l'attuale modello finanziario". La speranza è "di raggiungere un accordo con il cast delle voci, che permetta ai Simpson di continuare a intrattenere il pubblico con episodi originali ancora per molti anni". 

Sul sito di news Daily Beast è stato recentemente pubblicato un articolo nel quale si dice che gli attori hanno avuto molta difficoltà a rinnovare i loro contratti con la Fox. Avrebbero proposto di tagliare i compensi del 30% in cambio di una percentuale sugli utili, ma fino ad ora le trattative non sono andate a buon fine.

Roma, 5 ottobre 2011              Avv. Daniela Conte

RIPRODUZIONE RISERVATA