Donna uccisa in tribunale : Ministero della Giustizia condannato a risarcire 505.000 Euro per mancati controlli di sicurezza

ottobre 21, 2011 0 Comments A+ a-

Tribunale di Milano
Nel mese di settembre del 2002, durante un'udienza per la separazione presso il Tribunale di Varese, Rosario d'Aiello sparò e uccise la moglie Rosalia Granata.

Cosima, sorella della vittima, ha citato in giudizio il Ministero della Giustizia lamentando la mancata tutela della sicurezza: l'uomo era riuscito ad entrare in Tribunale con una pistola.

Il Tribunale civile di Milano ha condannato il Ministero convenuto al pagamento della somma di 505.000 Euro a titolo di risarcimento danni.

Roma, 21 ottobre 2011            Avv. Daniela Conte

RIPRODUZIONE RISERVATA