Amy Winehouse è morta a 27 anni. Dolore e sgomento tra i fans

luglio 24, 2011 0 Comments A+ a-

Amy Winehouse, la celebre cantante soul inglese, è morta ieri - all'età di 27 anni - nella sua casa di Camden, a Londra. Avrebbe compiuto 28 anni il 14 settembre. 

Secondo le prime ricostruzioni, sarebbe morta per un'ovedose causata da un coktail di droga e farmaci. Due autombulanze sono arrivate 5 minuti dopo avere ricevuto la richiesta di soccorso, ma ormai per la cantante non c'era più nulla da fare. 

Il video del servizio di Sky News:
Il video di Sky News


Amy Winehouse era nota per i suoi problemi con alcool e droga, dai quali aveva più volte tentato di venire fuori, senza riuscirci. Anche la sua vita privata è sempre stata tormentata: nel 2007 sposa il cantante Blake Fielder - Civil, dal quale divorzia nel 2009. Da allora ha avuto varie relazioni, tra cui l'ultima con il regista Regg Traviss

La cantante aveva un grante talento e una voce davvero graffiante, ma i suoi problemi di salute hanno danneggiato la sua carriera artistica, rendendola altalenante. Il suo secondo - e ultimo album - del 2006, "Black to black", ha ricevuto tantissimi premi, tra i quali 3 Grammy Awards per il brano principale, "Rehab" - nel quale la cantante parla del suo rifiuto di disintossicarsi da alcool e droga -.

Il suo destino è simile a quello di Janis Joplin, Jim Morrison, Brian Jones, Jimi Hendrix e Kurt Cobain - anche loro vittime di droga e alcool e morti all'età di 27 anni-; si parla di maledizione del "Club 27"

Recentemente, la cantante aveva dichiarato di essersi sottoposta ad un programma di disintossicazione da alcool e droga. Tuttavia, aveva dovuto annullare le tappe del suo ultimo tour europeo. La sua apparizione a Belgrado del 18 giugno 2011, infatti, era durata pochi minuti perchè la cantante - palesemente ubriaca e drgata - non riusciva a cantare ed era stata fischiata. 

Il video del concerto di Amy Winehouse in Serbia


La sua ultima apparizione è avvenuta al concerto della giovane cantante Dionne Bromfield: in quell'occasione, Amy Winehouse ha dato il suo supporto, invitando a comprare l'ultimo album della "figlioccia"

Il video dell'ultima apparizione di Amy Winehouse


Dopo la sua morte, il 10% dei messaggi del social network Twitter - circa 20 milioni di "tweet" - sono stati dedicati a lei. I fans le hanno anche dedicato la frase "Rest in peace" sulla sua pagina sul social network Facebook. Molti vip, tra i quali Demi Moore e Danny De Vito si sono detti molto dispiaciuti per la sua morte. 

Oggi dovrebbe essere eseguita l'autopsia sul corpo di Amy Winehouse per accertare le cause della sua morte, sulle quali la polizia sta indagando. 

Roma, 24 luglio 2011                 Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA













Oslo: Anders Breivik ha confessato. Si cercano eventuali complici

luglio 24, 2011 0 Comments A+ a-

Anders Behring Breivik - arrestato sull'isola di Utaja, a 40 km. dalla capitale della Norvegia Oslo dopo la sparatoria durante un raduno dei giovani attivisti del partito laburista - ha confessato di essere l'autore delle due stragi. Attualmente le vittime sono 92, ma il bilancio è destinato a salire : ci sono 20 feriti in gravi condizioni, 4 o 5 persone mancano ancora all'appello e negli edfici devastati dall'esplosione della bomba si stanno trovando altri corpi.

Il giovane 32enne si è lasciato arrestare senza protestare; il suo appartamento è stato perquisito. 

Il suo avvocato ha detto che l'assistito ritiene le azioni commesse "atroci, ma necessarie". Lunedi, in Tribunale, Anders spiegherà i motivi per i quali ha compiuto le stragi. 

Intanto, emergono nuovi particolari sulla sua personalità : è un fondamentalista cristiano, conservatore, di estrema destra e antislamico; fino a pochi anni fa militava nel partito conservatore ed è iscritto ad un forum neonazista. 

La bomba sarebbe stata fabbricata nella fattoria diAsta, di proprietà di Anders Breivik.

Alcuni sopravvissuti alla strage sull'isola diUtaja hanno detto che a sparare sono stati almeno in due persone.

La polizia sta ricostruendo l'esatta dinamica di quanto è accaduto e si stanno cercando eventuali complici dell'attentatore. 

Roma, 24 luglio 2011                      Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA




Oslo: arrestato l'autore della strage. E' vicino all'estrema destra

luglio 23, 2011 0 Comments A+ a-


La polizia norvegese ha arrestato il presunto autore della strage di ieri ad Oslo: si tratta del 32enne Anders Behring Breivik, "fondamentalista cristiano" vicino agli ambienti di estrema destra antislamica. E' ritenuto responsabile della sparatoria di Utoja - un'isola a circa 40 chilometri da Oslo - e si sospetta sia anche responsabile dello scoppio della bomba . Il bilancio è attualmente di 91 vittime, ma potrebbe salire ancora. Secondo quanto dichiarato dal capo dell'unità di crisi della Farnesina in un'intervista a Sky Tg24, non vi sarebbero cittadini italiani coinvolti; nelle prossime ore - quando le autorità norvegesi scioglieranno la riserva riguardo la nazionalità delle vittime, sarà possibile dare notizie più certe.

Il video-racconto da Oslo del giornalista Giampaolo Cadalanu - audio di Radio Capital -:

 Il servizio di Sky News:




Tramonta quindi la pista islamica, della quale si era parlato ieri.

Secondo le prime ricostruzioni, alle 15:25 circa di ieri una bomba è esplosa nel centro di Oslo, in prossimità della sede del giornale Vg e dell'ufficio del premier norvegese Stoltenberg, causando la morte di 7 persone e seri danni agli edifici. Tre ore più tardi, un "finto" poliziotto è sbarcato sull'isola di Utoja, dove si stava svolgendo un raduno dei giovani attivisti del partito laburista. Ha detto di essere stato mandato per un controllo di routine a seguito dell'esplosione della bomba avvenuta poche ore prima. L'uomo ha radunato i giovani con una scusa e ha fatto fuoco. 

Anders Behring Breivik

Secondo l'identikit diffuso sul social network Twitter da alcuni testimoni della strage di Utoja,  l'uomo che ha sparato è "alto 1.90, biondo, pelle chiara". 

La strage di ieri è l'evento più terribile accaduto in Norvegia dopo la seconda guerra mondiale.  Il premier norvegese Stoltenberg ha parlato di "tragedia nazionale". 

Roma, 23 luglio 2011                       Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA






Francia: un giudice vuole riaprire il caso della morte di Lady Diana

luglio 23, 2011 0 Comments A+ a-

Lady Diana, l'indimenticabile "principessa triste" moglie di Carlo d'Inghilterra e madre di William e Harry, morì a 36 anni il 31 agosto 1997 a Parigi, sotto il tunnel del Pont de l'Alma. L'auto sulla quale viaggiava con l'autista, con il compagno Dodi Al Fayed - figlio dell'imprenditore egiziano Mohamed Al Fayed, ex proprietario dei magazzini Harrods di Londra -, e un altro passeggero imboccò il tunnel inseguita da giornalisti e fotografi, urtò contro il muro destro e, infine, sbattè violentemente contro il 13^ pilastro del tunnel. 

Video della NBC News che annuncia la morte di Lady Diana

Video che mostra le fasi dell'incidente: 

Dodi Al Fayed e l'autista Henri Paul morirono sul colpo; l'altro passeggero sopravvisse e Diana fu trasportata in ospedale, dove morì due ore dopo per le gravi lesioni riportate. La tesi ufficiale è quella dell'incidente - sarebbe stato causato dall'autista, che avrebbe perso il controllo del veicolo a causa della guida in stato di ebrezza -, anche se c'è chi parla di complotto per uccidere la principessa di Galles

Secondo quanto riferisce il Daily Express, a distanza di 14 anni il Giudice francese Gerard Caddeo ha chiesto la riapertura del caso. Sembra, infatti, che Lord Mishcon- l'avvocato di Lady Diana morto nel 2006 - pochi mesi dopo l'incidente consegnò una nota nella quale si parlava di un complotto ai danni della sua assistita; era in atto un tentativo di sbarazzarsi di lei "orchestrando" un incidente nel quale avrebbe dovuto morire o riportare lesioni tali da consentire di dichiararla incapace di intendere e di volere. Nella nota c'era anche scritto che la principessa era stata informata da "fonti degne di fiducia" che era stato fatto un tentativo di eliminarla con un incidente stradale. 

Tre anni dopo la morte di Lady Diana si è scoperto che due funzionari di Scotland Yard, Sir Paul Condon e Sir David Venessa, avevano messo la nota - che avrebbe potuto aiutare le indagini, indicando una pista - in cassaforte. Il documento avrebbe potuto fare aprire un indagine per omicidio

Secondo la legislazione francese,  rimuovere o nsacondere prove che potrebbero "facilitare la scoperta di un crimine" è punibile con la pena pena del carcere da 3 a 5 anni o con un multa. 

Il giudice Caddeo ha convocato i due funzionari della Polizia britannica per interrogarli. Secondo fonti vicine alle indagini, in caso di rifiuto di sottoporsi all'interrogatorio sarà emesso un mandato d'arresto internazionale. 

Il caso della morte di Lady Diana, quindi, rischia di diventare nuovamente oggetto di controversia giudiziaria - relativamente alla questione se si è trattato di un incidente o di un omicidio -.

Seguiremo gli sviluppi. 

Roma, 23 luglio 2011                     Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA










"Gioca Jouer" compie 30 anni: è ancora ballato in tutto il mondo

luglio 22, 2011 0 Comments A+ a-

 La copertina del "45 giri"

"Gioca Jouer", la celebre canzone del 1981 diventata un classico ballo di gruppo, compie 30 anni. Ancora oggi è ballata in tutto il mondo e tanti sono i video, soprattutto amatoriali, che scelgono questo brano come colonna sonora. Prodotta da Claudio Simonetti - che ne scrisse anche le musiche - e da Giancarlo Mei, cantata dal famoso DJ e produttore Claudio Cecchetto, diventò la sigla del Festival di Sanremo del 1981 - presentato da Claudio Cecchetto e Eleonora Vallone - e rimase in classifica per molti mesi. 
 "Gioca Jouer" sigla del Festival di Sanremo 1981

"Gioca Jouer" in "Discoring" del 22 febbraio 1981

Da allora è stata spesso utilizzata come classico ballo di gruppo nei party, nei villaggi vacanze, nelle sagre, nei video amatoriali. Nel 2007, per celebrare i 25 anni, Claudio Cecchetto fa fatto realizzare questo simpaticissimo video amatoriale nel quale ragazzi di varie parti del mondo ballano "Gioca Jouer":



Per celebrare i 30 anni del brano, invece, i figli di Claudio Cecchetto Jody e Leonardo hanno realizzato questo video montando pezzi di vari video amatoriali pubblicati su Youtube - è stato pubblicato in anteprima sul sito internet del quoridiano "Corriere della Sera":



Adesso non resta che aspettare i 35 anni, sempre all'insegna di "Gioca Jouer", naturalmente......

Roma, 22 luglio 2011                    Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA


New York : lotteria per i matrimoni gay

luglio 19, 2011 0 Comments A+ a-

Il Sindaco di New York, Michael Bloomberg, ha proposto una lotteria per scegliere 764 coppie che potranno unirsi in matrimonio. 

L'iniziativa è stata lanciata a seguito delle innumerevoli richieste di celebrazione di matrimonio - si parla di circa 2661 richieste, di cui 1728 da parte di coppie gay - presentate per il 24 luglio, data nella quale entrerà in vigore la "Marriage Equality Act", la legge che ha riconosciuto il diritto al matrimonio per le coppie omosessuali nello Stato di New York

Le urne per partecipare alla lotteria sono state aperte oggi e chiuderanno giovedi pomeriggio. 

Roma, 19 luglio 2011             Avv. Daniela Conte

RIPRODUZIONE RISERVATA



Cile: Salvador Allende si suicidò il giorno del colpo di Stato nel 1973. Lo conferma il servizio medico - legale

luglio 19, 2011 0 Comments A+ a-

Il servizio medico - legale cileno ha confermato che l'ex - Presidente Salvador Allende morì suicida il giorno del colpo di Stato - avvenuto in data 11 settembre 1973- che portò al potere Pinochet. Alcune settimane fa la salma è stata riesumata e sottoposta a nuovi accertamenti. 
 
Anche la nipote, la famosa scrittrice Isabel Allende, ha dichiarato che "Il presidente Allende, l'11 settembre 1973, mentre affrontava circostanze estreme, ha preso la decisione di suicidarsi piuttosto che essere umiliato o subire chissà cos'altro".  
 
Allende fu Presidente del Cile dal 1970 e morì suicidandosi con un colpo d'arma da fuoco. La salma fu sottoposta ad autopsia e fu accertato che la morte era avvenuta per suicidio. Tuttavia, alcuni sostenitori sostennero la tesi che il Presidente - il primo eletto dal popolo cileno -  era stato assassinato e il delitto era stato insabbiato; ma la stessa famiglia ha sempre sostenuto la tesi del suicidio.

Nel mese di gennaio di quest'anno la magistratura ha aperto una nuova inchiesta sulla morte dell'ex Presidente e di altri 725 casi di crimini contro l'umanità commessi durante la dittatura di Pinochet, dal 1973 al 1990. Settecento militari sono stati condannati o sono accusati di crimini contro l'umanità commessi durante la dittatura, responsabile di circa 3.100 tra morti e  "desaparecidos"
 
Il video dell'ultimo discorso del Presidente Salvador Allende, tenuto il 11 settembre 1973 : 
 

Il testo dell'ultimo discorso in lingua italiana:

Sicuramente questa sarà l’ultima opportunità in cui posso rivolgermi a voi. La Forza Aerea ha bombardato le antenne di Radio Magallanes. Le mie parole non contengono amarezza bensì disinganno. Che siano esse un castigo morale per coloro che hanno tradito il giuramento: soldati del Cile, comandanti in capo titolari, l’ammiraglio Merino, che si è autodesignato comandante dell’Armata, oltre al signor Mendoza, vile generale che solo ieri manifestava fedeltà e lealtà al Governo, e che si è anche autonominato Direttore Generale dei carabinieri. Di fronte a questi fatti non mi resta che dire ai lavoratori: Non rinuncerò!
Trovandomi in questa tappa della storia, pagherò con la vita la lealtà al popolo. E vi dico con certezza che il seme affidato alla coscienza degna di migliaia di Cileni, non potrà essere estirpato completamente. Hanno la forza, potranno sottometterci, ma i processi sociali non si fermano né con il crimine né con la forza. La storia è nostra e la fanno i popoli.
Lavoratori della mia Patria: voglio ringraziarvi per la lealtà che avete sempre avuto, per la fiducia che avete sempre riservato ad un uomo che fu solo interprete di un grande desiderio di giustizia, che giurò di rispettare la Costituzione e la Legge, e cosi fece. In questo momento conclusivo, l’ultimo in cui posso rivolgermi a voi, voglio che traiate insegnamento dalla lezione: il capitale straniero, l’imperialismo, uniti alla reazione, crearono il clima affinché le Forze Armate rompessero la tradizione, quella che gli insegnò il generale Schneider e riaffermò il comandante Ayala, vittime dello stesso settore sociale che oggi starà aspettando, con aiuto straniero, di riconquistare il potere per continuare a difendere i loro profitti e i loro privilegi
Mi rivolgo a voi, soprattutto alla modesta donna della nostra terra, alla contadina che credette in noi, alla madre che seppe della nostra preoccupazione per i bambini. Mi rivolgo ai professionisti della Patria, ai professionisti patrioti che continuarono a lavorare contro la sedizione auspicata dalle associazioni di professionisti, dalle associazioni classiste che difesero anche i vantaggi di una società capitalista
Mi rivolgo alla gioventù, a quelli che cantarono e si abbandonarono all’allegria e allo spirito di lotta. Mi rivolgo all’uomo del Cile, all’operaio, al contadino, all’intellettuale, a quelli che saranno perseguitati, perché nel nostro paese il fascismo ha fatto la sua comparsa già da qualche tempo; negli attentati terroristi, facendo saltare i ponti, tagliando le linee ferroviarie, distruggendo gli oleodotti e i gasdotti, nel silenzio di coloro che avevano l’obbligo di procedere.
Erano d’accordo. La storia li giudicherà
Sicuramente Radio Magallanes sarà zittita e il metallo tranquillo della mia voce non vi giungerà più. Non importa. Continuerete a sentirla. Starò sempre insieme a voi. Perlomeno il mio ricordo sarà quello di un uomo degno che fu leale con la Patria
Il popolo deve difendersi ma non sacrificarsi. Il popolo non deve farsi annientare né crivellare, ma non può nemmeno umiliarsi
Lavoratori della mia Patria, ho fede nel Cile e nel suo destino. Altri uomini supereranno questo momento grigio e amaro in cui il tradimento pretende di imporsi. Sappiate che, più prima che poi, si apriranno di nuovo i grandi viali per i quali passerà l’uomo libero, per costruire una società migliore.
Viva il Cile! Viva il popolo! Viva i lavoratori!
Queste sono le mie ultime parole e sono certo che il mio sacrificio non sarà invano, sono certo che, almeno, sarà una lezione morale che castigherà la fellonia, la codardia e il tradimento.

Santiago del Cile, 11 Settembre 1973

Roma, 19 luglio 2011             Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA


 
 


 
 
 



Alitalia : si è dimesso il Commissario straordinario Fantozzi

luglio 19, 2011 0 Comments A+ a-

Augusto Fantozzi, Commissario straordinario di Alitalia, ha rassegnato le dimissioni dall'incarico - insieme a tutti i componenti del suo Ufficio. Secondo il Commissario sarebbe venuta meno "la fiducia del Governo nei suoi confronti". La notizia è stata diffusa con una nota sul sito dell'Alitalia.

La decisione sarebbe stata presa a seguito della manovra finanziaria, che ha introdotto nuove norme relativa alla procedura di amministrazione strordinaria delle imprese.

L'art. 15, comma 5, stabilisce infatti che "al fine di contenere i tempi di svolgimento delle procedure di amministrazione straordinaria delle imprese nelle quali sia avvenuta la dismissione dei compendi aziendali e che si trovino nella fase di liquidazione, l’organo commissariale monocratico è integrato da due ulteriori commissari, da nominarsi con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri o del ministro dello Sviluppo economico. A ciascun commissario il collegio può delegare incombenze specifiche".

Nella nota si legge anche che "Il Commissario renderà conto con la relazione semestrale e attraverso il verbale di consegne ai nuovi commissari dell’ingente lavoro sin qui svolto, delle misure adottate, dei risultati raggiunti, della liquidità disponibile alla data odierna, delle prossime scadenze, delle numerose questioni pendenti e, più in generale, dello stato di avanzamento della procedura. Assicurerà ai nuovi commissari la collaborazione necessaria a evitare ogni soluzione di continuità specie in relazione al pagamento dell’acconto ai dipendenti di Alitalia Express, Alitalia Airport e Volare, predisposto da tempo e previsto per il prossimo 26 luglio, e a seguire per i dipendenti di Alitalia Servizi e Alitalia S.p.A. Il Commissario Straordinario desidera ringraziare tutti i collaboratori interni ed esterni della Procedura per l’abnegazione e la professionalità con cui hanno svolto il proprio lavoro, le Istituzioni vigilanti per l’intelligente e fattiva collaborazione, i magistrati della Sezione Fallimentare del Tribunale di Roma per lo sforzo profuso, tutte le altre autorità che, a vario titolo, hanno avuto relazioni con le società del Gruppo Alitalia in amministrazione straordinaria, le organizzazioni sindacali, e desidera rivolgere a tutti i dipendenti Alitalia e, in generale, a tutti i creditori i migliori auguri di soddisfazione futura. Ai commissari che gli succedono gli auguri di buon lavoro".

Augusto Fantozzi era stato nominato Commissario straordinario di Alitalia-Lai (Linee Aeree italiane) il 29 agosto del 2008, su proposta del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Roma, 19 luglio 2011              Avv. Daniela Conte

RIPRODUZIONE RISERVATA


Da oggi via libera ai tickets sanitari anche in Puglia e nelle Marche

luglio 19, 2011 0 Comments A+ a-

Con una circolare inviata nel tardo pmeriggio di ieri dall'assessorato competente a tutte le ASL, la Regione Puglia ha dato via libera ai tickets sanitari introdotti con la nuova norma finanziaria. 

Analogamente, la Regione Marche ha deciso per l'applicazione della nuova misura.

Persiste, invece, il rifiuto della Regione Emilia - Romagna - che ha congelato l'applicazione della norma -, così come quello di Veneto, Toscana, Umbria, Val d'Aosta, Trentino Alto Adige (solo per i codici bianchi e non per la specialistica). Il Piemonte continua la valutazione della situazione. 
 
Intanto, il Ministro Brunetta ha comunicato che, a partire dal mese di ottobre, i tickets sanitari potranno essere pagati online.

Roma, 19 luglio 2011              Avv. Daniela Conte
 
RIPRODUZIONE RISERVATA






Poker cash e casinò online: da oggi via libera ai giochi d'azzardo online

luglio 18, 2011 0 Comments A+ a-

Finita la sperimentazione, da oggi diventa legale giocare su siti di poker cash e casinò online. Sarà possibile collegarsi ai siti, fissare un limite di spesa settimanale o mensile, giocare fino ad un massimo di 1000,00  Euro per ogni sessione - con soldi veri e non più con gettoni prepagati - e abbandonare il gioco in qualsiasi momento. Raggiunto il limite di spesa fissato non sarà più possibile giocare - per potere innalzare il limite di spesa occorre attivare una procedura che dura una settimana -. Ci si può collegare da qualsiasi postazione : casa, uffici, postazioni di Internet pubbliche.

La liberalizzazione fa parte del c.d. "Decreto Abruzzo" del 2009, studiata dal Ministero del Tesoro allo scopo di trovare fondi dopo il terribile sisma. Adesso si è rivelato un ottimo sistema per rimpinguare le casse dello Stato - soprattutto quando ci sono difficoltà economiche -, come è accaduto già in molti altri Paesi tra i quali Stati Uniti, Francia, Svizzera

Tuttavia, vengono espresse alcune preoccupazioni: si teme l'infiltrazione della criminalità organizzata - la Commissione Antimafia e i Monopoli di Stato  hanno segnalato il fatto che potrebbe diventare una nuova fonte di guadagno per la mafia in Italia e all'estero - e l'aumento dei casi di "ludopatia" - disturbo legato all'ossessione del gioco -.

Per quanto riguarda la "ludopatia", nel 2009 è stato già lanciato l'allarme dall' Organizzazione mondiale della Sanità e uno studio recente pubblicato dai Monopoli di Stato e Lottomatica - in collaborazione con l'Università la Sapienza di Roma - ha evidenziato che la possibilità di giocare d'azzardo online potrebbe fare aumentare i casi di dipendenza dal gioco, soprattutto in questi tempi di incertezza economica.

Roma, 18 luglio 2011            Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA 









Processo Ruby: per il Tribunale di Milano la competenza non è del Tribunale dei Ministri

luglio 18, 2011 0 Comments A+ a-


Tribunale di Milano

Il Tribunale di Milano, dove è in corso il processo "Ruby", ha respinto la valanga di eccezioni presentata dai legali di Silvio Berlusconi a seguito dell'ordinanza della Corte Costituzionale - che ha dichiarato recentemente ammissibile il conflitto di attribuzione -, i quali hanno chiesto il trasferimento del processo al Tribunale dei Ministri. Nel processo il Presidente del Consiglio è imputato per concussione e prostituzione minorile.

I Giudici hanno ritenuto il Tribunale di Milano competente a decidere per il processo in corso. Nell'ordinanza si legge, infatti, che "non è consentito il proscioglimento nel merito" di Berlusconi - come ha chiesto la difesa - e che "sulla scorta del capo di imputazione il tribunale ritiene la propria competenza funzionale". Il reato di concussione, infatti, non ricade sotto la competenza del Tribunale dei Ministri.

Secondo il Tribunale, il reato di concussione - la cui "utilità perseguita" è stata conseguita a Milano -, che costituisce il maggiore capo di imputazione, attrae a sè il reato di prostituzione minorile - che secondo l'accusa sarebbe stato consumato ad Arcore -; questo escluderebbe, quindi, la competenza del Tribunale di Monza, come eccepito dalla difesa.

La decisione definitiva spetterà alla Corte di Cassazione e alla Corte Costituzionale.

Dopo la lettura dell'ordinanza, è stato dichiarato aperto il dibattimento e il processo è stato rinviato al 3 ottobre. 

Roma, 18 luglio 2011              Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA




Al via il ticket sanitario : sei Regioni lo applicano, sette dicono "no", quattro stanno valutando la situazione

luglio 18, 2011 0 Comments A+ a-

Da oggi si dovrà pagare il ticket sanitario previsto dalla nuova manovra finanziaria: 10 Euro sulle ricette e 25 Euro sulle prestazioni del Pronto Soccorso qualificate come "codice bianco" - prestazioni non urgenti che non prevedono il ricovero -.

Sei Regioni hanno deciso di applicare immediatamente la nuova misura prevista : 
  • Lazio 
  • Liguria 
  • Lombardia
  • Calabria
  • Sicilia
  • Basilicata 
Sette Regioni, invece, hanno deciso di non applicarla: 

  • Veneto
  • Umbria
  • Toscana
  • Emilia Romagna
  • Sardegna
  • Val D'Aosta
  • Trentino Alto Adige 
Infine, quattro Regioni stanno valutando la situazione per decidere se applicare la nuova misura: 
  •  Piemonte
  •  Campania 
  •  Marche
  •  Friuli Venezia Giulia 
Roma, 18 luglio 2011            Avv. Daniela Conte

RIPRODUZIONE RISERVATA




  



Scandalo intercettazioni : rilasciata su cauzione Rebekah Brooks. Si dimette il capo di Scotland Yard

luglio 18, 2011 0 Comments A+ a-

Rebekah Brooks, l'ex Amministratore delegato di News International - Società del gruppo di Rupert Murdoch - è stata rilasciata nella notte su cauzione. 

La donna si era recata ieri, intorno alle 12:00, presso il commissariato di polizia di Londra per essere interrogata ed era stata arrestata con l'accusa di "aver preso parte ad intercettazioni di comunicazioni" e corruzione.

Domani dovrebbe comparire davanti al Parlamento per riferirein merito allo scandalo delle intercettazioni. Sono stati convocati anche Rupert e James Murdoch: il primo si è rifiutato di comparire, il secondo ha fatto sapere di non essere disponibile per quella data. 

Intanto, i colpi di scena continuano: Sir Paul Stephenson, il capo della Metropolitan Police di Londra ieri si è dimesso, diffondendo la notizia con una conferenza stampa in diretta TV, nella quale ha dichiarato "Ho preso questa decisione a causa delle speculazioni e delle accuse sui legami tra la Metropolitan Police e News International".

Il Capo di Scotland Yard, infatti, è coinvolto nell'inchiesta a causa dei suoi legami con Neil Wallis, l'ex vicedirettore di News of the World arrestato la scorsa settimana - Stephenson avrebbe accettato l'offerta di quest'ultimo di un soggiorno di lusso di 5 settimane in un centro benessere -. Sembra anche, a quanto si è appreso, che abbia tentato di fare il quotidiano Guardian dall'attaccare Rupert Murdoch per la questione delle intercettazioni.
 Sir Paul Stephenson

Il vicepremier britannico Nicholas Clegg si è detto molto preoccupato per l'impatto che lo scandalo delle intercettazioni sta avendo sulla reputazione della polizia. Il premier David Cameron ha annunciato la volontà di interrompere un viaggio di quattro giorni in Africa per tornare a Londra e concludere i preparativi dell'inchiesta con il Ministro della Giustizia Leveson

Link al sito del quotidiano "La Repubblica" con un video-ritratto di Rebekah Brooks:

VIDEO-RITRATTO DI REBEKAH BROOKS 

Roma, 18 luglio 2011         Avv. Daniela Conte


RIPRODUZIONE RISERVATA




Australia : madre mette i figli con meno di 10 anni di età all'asta su Ebay. E' sotto inchiesta

luglio 17, 2011 0 Comments A+ a-

Una mamma australiana ha messo i figli di età inferiore a 10 anni all'asta sul famoso portale di annunci Ebay. Molte persone hanno partecipato all'asta online - che adesso è stata oscurata -.

Alcune persone hanno segnalato la cosa alla polizia, che è subito intervenuta. E' stata aperta un'inchiesta, la donna è stata interrogata e si è difesa dicendo che si è trattato di uno scherzo. 

Bill Muehlenberg, responsabile per le politiche della famiglia dello Stato di Victoria, ha criticato quanto è accaduto, dichiarando che "Non credo sia bello per bambini così piccoli venire a sapere che i genitori vogliono disfarsene come vecchi Cd usati. Sicuramente su di loro questa storia avrà un impatto psicologico negativo". 

Non è ancora stata formulata un'accusa formale nei confronti della donna sotto inchiesta, ma i servizi sociali stanno monitorando la famiglia. 

Roma, 17 luglio 2011          Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA






Roma: arrestata colf. In 7 anni ha rubato circa 80.000 Euro all'anziano datore di lavoro

luglio 17, 2011 0 Comments A+ a-

Una colf filippina è stata arrestata a Roma con l'accusa di furto ai danni del datore di lavoro - un signore di 86 anni -.

La donna, che lavorava presso l'anziano signore da sette anni, aveva scoperto che quest'ultimo custodiva in casa il denaro contante che ogni mese prelevava in banca, riponendolo in un libro di matematica su una libreria. Dal 2008, quindi, aveva cominciato a sottrarre denaro - dapprima piccole somme, poi sempre maggiori-.

I figli dell'uomo hanno cominciato ad insospettirsi notando che il genitore era costretto ad effettuare ingenti prelievi sempre più frequenti. Hanno controllato il conto corrente del genitore e constatato un aumento dei prelievi di denaro a partire dal 2008; nei mesi di gennaio e febbraio di quest'anno - durante i quali la colf, tornata nelle Filippine - erano invece tornati normali. In sette anni, erano stati sottratti circa 80.000,00 Euro.

Uno di loro ha, quindi, deciso di tendere un tranello, mettendo delle somme di denaro nel libro poco prima dell'arrivo della colf - che sono spariti dopo che quest'ultima era andata via -.Si è, allora, recato al Comando dei Carabinieri, raccontando l'accaduto. I carabinieri hanno fotocopiato alcune banconote e le hanno inserite nel libro, appostandosi fuori dalla casa per cogliere la donna in flagrante. Uscita dalla casa, è stata perquisita e sono state trovate le banconote fotocopiate. I Carabinieri hanno, dunque, perquisito la casa della colf, trovando 5.000,00 Euro nascosti sotto il materasso.

La donna è stata arrestata e sarà giudicata per direttissima.

Roma, 17 luglio 2011          Avv. Daniela Conte

RIPRODUZIONE RISERVATA















Massaggi in spiaggia : pubblicata in G.U. ordinanza urgente che li vieta

luglio 17, 2011 0 Comments A+ a-

Con un'ordinanza contingibile e urgente del Ministero della Salute  pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 161 del 13 luglio 2011, è stato fatto divieto agli ambulanti di fare massaggi sulle spiagge. 
 
L'art. 1, infatti, stabilisce che "Lungo i litorali marini, lacustri e fluviali, nonche' nelle vicinanze degli stessi, e' vietato offrire, a qualsiasi titolo, prestazioni, comunque denominate riconducibili a massaggi estetici o terapeutici da parte dei soggetti ambulanti". 
 
L'ordinanza, ai sensi dell'art. 2, deve essere affissa presso i Comuni rivieraschi - che sono tenuti a farla applicare - le ASL e "in modo che sia chiaramente e facilmente leggibile, all'ingresso di ogni esercizio commerciale o a carattere ricreativo, ubicato sui litorali". 
 
L'art. 3, a sua volta, stabilisce che i gestori pubblici e privati - e, in generale, coloro che hanno la disponibilità di tratti di litorale - devono segnalare ogni violazione dell'ordinanza alle autorità competenti. 
 
L'ordinanza è diventata immediatamente efficace e ha validità fino alla chiusura della stagione balneare 2011.  

Roma, 17 luglio 2011            Avv. Daniela Conte 
 
RIPRODUZIONE RISERVATA 







Iran : arrestata Pegah Ahangarani, attrice e blogger

luglio 17, 2011 0 Comments A+ a-



Pegah Ahangarani, famosa attrice e blogger iraniana 27enne, è stata arrestata. Funzionari della sicurezza l'hanno prelevata dalla sua casa poche ore prima della sua partenza per la Germania, dove era stata invitata dal sito di news "Deutsche Welle" a partecipare ad un programma sulla Coppa del Mondo di calcio femminile, attualmente in corso.

La notizia è stata data da "Deutsche Welle" con un articolo in lingua farsi - la lingua persiana -, riferendo che la donna è attualmente detenuta dagli agenti di sicurezza delle Guardie Rivoluzionarie, come è stato confermato da funzionari di Teheran.

L'attrice iraniana è malvista dal regime islamico già dal 2009 - in occasione delle elezioni presidenziali -, quando ha fatto pubblicamente campagna in favore del leader dell'opposizione Mir Hossein Mousavi. Tuttavia, fino ad oggi è riuscita a sfuggire all'arresto a causa della sua grande popolarità.

La famiglia ha dichiarato che, un giorno prima della partenza per la Germania, Pegah è stata contattata dai servizi segreti e le è stato comunicato che non era autorizzata a lasciare il paese. Impaurita, si è rifugiata per qualche giorno dai genitori; poi ha deciso di tornare a casa e da quel momento è scomparsa. 

La famiglia ha ricevuto una sua telefonata quando è stata arrestata, nella quale ha detto di non sapere il luogo in cui si trovava e quali accuse le venivano fatte.  

Pegah Ahangarani è anche una filmaker; ha girato molti documentari, tra i quali il più recente "Dehnamkiha" - ritratto dell'attivista conservatore siriano Masoud Dehnamaki, tra i fondatori di Ansar-e Hezbollah, con riferimenti anche al suo sostegno a Ahmadinejad -, trasmesso poche settimane fa dal canale TV BBC Persia

L'organizzazione Articolo 19 - che ha sede a Londra - ha chiesto al governo iraniano di "rilasciare immediatamente Mohammadi e Ahangarani, e altri artisti e attivisti ingiustamente detenuti" e che "Le autorità devono chiarire le ragioni del loro arresto e garantire che le donne hanno accesso alla rappresentanza legale". 

Oltre a Pegah Ahangarani, infatti, sono detenuti nelle prigioni iraniane il regista Jafar Panahi - arrestato lo scorso anno perchè condannato alla pena di 6 anni di carcere e 20 anni di divieto di realizzare film -, Maryam Majd - fotografa iraniana e attivista che ha lottato per ottenere che le donne siano autorizzate ad entrare allo stadio per seguire le partite di calcio, arrestata a fine giugno prima che partisse per la Germania per scrivere un libro sulle donne e lo sport  -, Mahnaz Mohammadi - acclamato regista di documentari - e molti altri artisti e attivisti. 


Roma, 17 luglio 2011            Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA





Londra : arrestata Rebekah Broooks, l'ex AD di News International, per lo scandalo intercettazioni

luglio 17, 2011 0 Comments A+ a-

E' stata arrestata oggi a Londra l'ex amministratore delegato di News International - Società del gruppo di Rupert Murdoch - Rebekah Brooks. Le accuse, a quanto si è appreso, sono quelle di associazione a delinquere, intercettazioni illegali e corruzione.

La notizia è riportata dal quotidiano britannico "Sunday Telegraph", che cita fonti interne di Scotland Yard. Secondo quanto è stato riportato, la donna si è presentata volontariamente in commissariato intorno alle 12:00 ed è stata arrestata. 
 
Rebekah Brooks venerdi aveva annunciato le dimissioni dalla carica di Amministratore Delegato della News International; al suo posto è stato nominato Tom Mockridge, amministratore delegato di Sky Italia. 
 
A quanto si è appreso, nell'inchiesta sul gruppo di Rupert Murdoch è coinvolto anche il figlio James - sul quale grava il sospetto di avere cercato di coprire lo scandalo, deviando il corso della giustizia -. 
 
Sospetti di collusione con personaggi coinvolti nello scandalo delle intercettazioni gravano anche su vertici e agenti di Scotland Yard.

Intanto, l'attore Jude Law avrebbe querelato il "News of the World" negli Stati Uniti - avrebbe "spiato" l'attore mentre si trovava a New York con il segretario -. Analogamente, starebbero valutando la possibilità di avviare un'azione legale il cantante ed ex-beatle Paul MacCartney - i cellulari della società di pubbliche relazioni che si occupa di lui sarebbero stati messi sotto controllo il periodo del divorzio dalla seconda moglie Heather Mills - e il calciatore David Beckam - che sospetta di essere stato "spiato" dal "News of the World" -. 
 
Roma, 17 luglio 2011         Avv. Daniela Conte 
 
RIPRODUZIONE RISERVATA









Caserta : arrestata famiglia per violenza sessuale su minori

luglio 16, 2011 0 Comments A+ a-

Un'intera famiglia - padre, zio, sorella, ex fidanzato di quest'ultima- sono stati arrestati dagli agenti della Squadra Mobile di Caserta, in esecuzione di quattro ordinanze di custodia cautelare, per ripetuti episodi di violenza sessuale nei confronti di due congiunte minorenni, orfane di madre.
 
Le indagini sono iniziate dopo la segnalazione dei servizi sociali, che avevano accertato gli abusi sessuali subiti dalle due minorenni. 
 
Le due ragazzine - originarie di Gricignano di Aversa - erano rimaste orfane di madre all'età, rispettivamente, di 15 e di 10 anni; da quel momento sono state fatte oggetto di ripetuti episodi di violenza sessualeda parte dei familiari arrestati.

I provvedimenti sono stati emessi dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere a seguito delle condanne - da 16 a 12 anni di reclusione - inflitte dal Tribunale.

Roma, 16 luglio 2011          Avv. Daniela Conte

RIPRODUZIONE RISERVATA





Jennifer Lopez e Marc Antony si separano dopo sette anni di matrimonio

luglio 16, 2011 0 Comments A+ a-

La celebre cantante Jennifer Lopez e il marito Marc Antony - anche lui cantante - hanno annunciato la decisione di separarsi dopo sette anni di matrimonio. 

In un comunicato diffuso dalla rivista People hanno dichiarato che "Abbiamo deciso di porre fine al nostro matrimonio. E’ stata una decisione molto difficile. Siamo arrivati ad una conclusione amichevole su tutte le questioni. E’ un periodo doloroso per tutte le persone coinvolte e apprezziamo il rispetto per la nostra privacy in questo momento". 

La coppia, dunque, attiverà la procedura di separazione consensuale

La coppia si era sposata nel 2004 con una cerimonia segreta nella villa di Beverly Hills di JLo e tre anni fa ha avuto una coppia di gemelline. L'anno scorso aveva rinnovato la promessa di matrimonio davanti apochi amici - tra i quali Katie Holmes, Tom Cruise, Brad Pitt, Angelina Jolie, Victoria Beckam -.

Per Jennifer Lopez si tratta del terzo divorzio, dopo quelli con Ojani Noa - terminato dopo un anno - e quello con il ballerino Cris Judd - durato 9 mesi -. Anche Marc Antony è stato precedentemente sposato con Miss Universo Dayanara Torres.

Roma, 16 luglio 2011                Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA





Roma : tassista investe pedone e prosegue. Denunciato per omissione di soccorso

luglio 16, 2011 0 Comments A+ a-

Nella giornata di ieri, intorno alle 15:00, un taxi che viaggiava nel quartiere Aurelio di Roma ha investito un pedone che stava attraversando la strada. 

Il conducente del taxi è sceso, ha dato un'occhiata alla persona investita ed è salito di nuovo sull'autovettura, proseguendo la corsa. Questo è quanto hanno testimoniato alcune persone che hanno visto quanto è accaduto, annotando il numero di targa dell'autovettura. 

Il conducente del taxi è stato individuato e portato nell'ufficio dei Vigili Urbani. Interrogato, ha detto di non avere soccorso il pedone investito perchè la persona che stava trasportando gli avrebbe imposto di proseguire in quanto era in ritardo, offrendosi di chiamare di persona un'ambulanza. 

L'uomo è stato denunciato per omissione di soccorso ed è stato sanzionato con una multa per corsa irregolare

Roma, 16 luglio 2011             Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA






Lecce : riscuotevano pensioni di persone decedute. Denunciate 115 persone

luglio 16, 2011 0 Comments A+ a-


L'operazione "Parentopoli", condotta dalla Guardia di Finanza di Lecce in collaborazione con la Direzione Provinciale dell'INPS, ha portato alla denuncia di 115 persone per indebita riscossione di pensioni per conto di persone decedute - in alcuni casi anche da anni -, in molti casi familiari e parenti, attestando falsamente la loro esistenza in vita. 

Le ipotesi di reato sono truffa e falso ideologico in atto pubblico; in quattro casi sono stati anche emessi provvedimenti di sequestro di somme depositate su conti correnti bancari, per un importo complessivo di 100.000,00 Euro. 

Complessivamente, le persone denunciate hanno riscosso la somma di 408.288,00 Euro; tra i casi più eclatanti, quello di un uomo che ha riscosso la pensione di un congiunto deceduto da sei anni, per un importo di più di 31.000,00 Euro e quello della legale rappresentante di una casa per anziani, che ha riscosso le pensioni di nove assistiti deceduti per un importo di 12.000,00 Euro. 

Roma, 16 luglio 2011               Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA 



Torino: per il crollo al liceo di Rivoli condannato a 4 anni il Dirigente della Provincia. Assolti gli altri imputati

luglio 15, 2011 0 Comments A+ a-



Il Tribunale di Torino ha condannato a 4 anni di reclusione e all'interdizione per cinque anni dai pubblici uffici il Dirigente della Provincia Michele Del Mastro per il crollo della controsoffittatura nel Liceo Darwin di Rivoli - nella quale morì lo studente 17enne Vito Scafidi, mentre un compagno di classe rimase gravemente ferito -, avvenuto il 22 novembre 2008. Gli altri sei imputati - tre funzionari della Provincia di Torino e tre professori responsabili della sicurezza - sono stati assolti per non avere commesso il fatto.

Del Mastro è stato anche condannato, in solido con la Provincia di Torino, al pagamento della somma di 400.000,00 Euro a titolo di provvisionale alla famiglia dello studente deceduto - di cui Euro 200.000,00 alla madre, Euro 150.000,00 al padre e Euro 50.000,00 alla sorella -.

Il sostituto procuratore Raffaele Guariniello ha dichiarato che la sentenza del Tribunale di Torino ha affermato un importante principio: quello secondo cui la sicurezza delle scuole deve essere una priorità per tutti gli enti che sono proprietari di istituti scolastici. Ha aggiunto che "Soprattutto per gli interventi infrastrutturali e di manutenzione bisogna che questi enti investano. Purtroppo la sicurezza nelle scuole è ancora molto bassa e ciò comporta il rischio che un dramma come questo si ripeta".

Il legale della famiglia dello studente morto nel crollo della controsoffittatura ha precisato che con il riconoscimento della provvisionale il Giudice "ha stabilito implicitamente che il danno è molto più grande" e che "oggi il tribunale ha riconosciuto che qualcosa di sbagliato è successo".

Il risarcimento danni complessivo dovuto alla famiglia di Vito Scafidi sarà deciso in sede civile. 

Roma, 15 luglio 2011                Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA



ATAC Roma : dal 2012 il costo dei biglietti potrebbe salire a 1,50 Euro

luglio 15, 2011 0 Comments A+ a-


L'ATAC, la Società per i trasporti pubblici di Roma, ha approvato il nuovo Piano Industriale 2011 - 2015; tra le novità, il rincaro del costo dei biglietti a partire dal 2012.

In sostanza, queste sono le nuove tariffe previste:

  • il biglietto ordinario costerà 1,50 e avrà durata 100 minuti - attualmente il costo è di 1 Euro per 75 minuti -; 
  • l'abbonamento mensile costerà 35 Euro, in luogo dei 30 Euro attuali;
  • l'abbonamento annuale costerà 280,00 Euro - attualmente costa 230,00 Euro -; 
  • il biglietto giornaliero costerà 6 Euro, invece di 4 Euro;
  • il costo del B.T.I. - Biglietto Turistico Integrato - aumenterà di 5 Euro. 
L'ATAC ha motivato gli aumenti precisando che i maggiori ricavi saranno utili per migliorare i servizi; il Presidente Francesco Carbonetti ha dichiarato, in proposito, che "si tratta di una proposta molto ragionevole" e che la mancata approvazione da parte della Regione Lazio "determinerebbe una rimodulazione del piano, con ovvie ripercussioni sugli investimenti e qualità dei servizi".

Il Presidente del CODACONS - la famosa Associazione dei consumatori - Carlo Rienzi ha protestato contro i rincari previsti dal Piano Industriale, sostenendo che non sono giustificati da alcun miglioramento della qualità dei servizi offerti - che, al contrario, starebbe peggiorando- e che l'aumento della durata del biglietto sarebbe soltanto "fumo negli occhi", perchè "nessun utente, infatti, viaggia per quasi due ore consecutive sui mezzi pubblici"; ha, altresì, annunciato ricorso al TAR del Lazio e a tutte le sedi opportune nel caso in cui il Comune di Roma approverà la proposta dell'ATAC

Le misure operative previste dal Piano Industriale dovranno ora essere approvate dal Comune di Roma - che è l'azionista di maggioranza - e rese operative dalla Regione Lazio.

Roma, 15 luglio 2011          Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA









Tassista picchiato a morte per l'investimento di un cane : 16 anni a uno degli aggressori

luglio 14, 2011 0 Comments A+ a-

Il Gup del Tribunale di Milano ha condannato con rito abbreviato Morris Ciavarella - uno dei tre giovani che il 10 ottobre del 2010 picchiarono a morte il tassista 45enne Luca Massari perchè aveva accidentalmente investito un cane. L'uomo, ricoverato in coma, morì l'11 novembre - a 16 anni di carcere per omicidio volontario aggravato. E' stata esclusa l'aggravante della crudeltà, e questo ha comportato una riduzione della pena rispetto ai 30 anni richiesti dal PM. 

Il Gup ha, altresì, rinviato a giudizio perchè accusati della stesso reato, i fratelli Stefania e Pietro Citterio, che saranno giudicati con rito ordinario.

Roma, 14 luglio 2011             Avv. Daniela Conte

RIPRODUIONE RISERVATA




Melfi : il Tribunale accoglie il ricorso contro il reintegro dei lavoratori licenziati dalla Fiat

luglio 14, 2011 0 Comments A+ a-


Il Tribunale di Melfi ha accolto il ricorso della Sata nei confronti del provvedimento di reintegro dei lavoratori dello stabilimento lucano - di proprietà della Fiat - licenziati nel 2010. 

Come si ricorderà, il 6 e 7 luglio del 2010 tre operai dello stabilimento Fiat di Melfi - Antonio Lamorte, Giovanni Barozzino e Marco Pignatelli - furono accusati di avere interrotto la produzione perchè avevano bloccato un carrello durante uno sciopero. Fu loro negato l'ingresso in fabbrica e, nove giorni dopo, avvenne il licenziamento.

Il sindacato Fiom ritiene il provvedimento antisindacale. Viene presentato ricorso dinanzi al Tribunale del Lavoro, che con provvedimento del 10 agosto del 2010 lo accoglie ritenendo il licenziamento "sproporzionato e illegittimo" e ordinando con decreto d'urgenza il reintegro dei tre lavoratori. 

Tuttavia, la Fiat chiede ai tre lavoratori di rimanere a casa o, in alternativa, il "confino" nello stabilimento; propone ricorso avverso l'ordinanza del Tribunale del Lavoro. Nel frattempo, i tre lavoratori sono costretti a trascorrere le ore di lavoro in una stanzetta. A nulla valgono gli appelli anche del Presidente della Repubblica Napolitano. La Fiom - che attende di conoscere le motivazioni della sentenza - ha già annunciato ricorso in appello.

Ora i tre operai dovranno di nuovo lasciare il posto di lavoro; l'unica speranza è l'esito positivo dei ricorsi individuali che hanno proposto. 

Roma, 14 luglio 2011              Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA








Manovra finanziaria : ok del Senato. Reintrodotti i ticket sanitari: saranno in vigore già da lunedi

luglio 14, 2011 0 Comments A+ a-


Con 161 voti favorevoli, 135 contrari e 3 astenuti, la manovra finanziaria ha ricevuto l'ok del Senato - era stata posta la fiducia-. 

Tra le novità più rilevanti, l'aumento della pressione fiscale del 1,2% - l'Italia ha già una pressione fiscale tra le più alte d'Europa-,  tagli a tutte le agevolazioni fiscali, l'introduzione del contributo unificato - 225 Euro, più l'imposta di bollo di 8 Euro - per le controversie di lavoro in materia di licenziamenti, contratti e mobbing, il contributo di solidarietà del 5% a carico delle pensioni che superano i 90.000 Euro lordi annui, il posticipo di un mese delle pensioni con 40 anni di contributi a partire dal 2012, la reintroduzione dei ticket sanitari - previsti da una norma del 2007 -.

Per quanto riguarda i ticket sanitari, in particolare, la reintroduzione è prevista già all'entrata in vigore del provvedimento; pertanto, da lunedi sarà necessario pagare un ticket sanitario dell'importo di 25 Euro per i "codici bianchi" - prestazioni non urgenti, non seguite da ricovero - e di 10 Euro per la diagnostica. Secondo quanto si è appreso, rimarrebbero in vigore le esenzioni già previste nel 2007 - tra cui quella per i minori di 14 anni -. 

Roma, 14 luglio 2011            Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA


Andria : incidente stradale simulato per coprire infortunio mortale sul lavoro

luglio 14, 2011 0 Comments A+ a-

Nei primi giorni del mese di maggio del 2011 S.L., un uomo di 53 anni, è deceduto pochi giorni dopo il ricovero in ospedale a seguito delle gravi lesioni subite per effetto dell'investimento nei pressi del cimitero di Andria, in provincia di Bari, da parte del furgone condotto da M.D.B., che lo aveva accompagnato al Pronto Soccorso - secondo quanto dichiarato da quest'ultimo -. 

Tuttavia,  le indagini evindenziano alcune incongruenze : le lesioni subite dall'uomo non sono compatibili con a dinamica dell'incidente descritta dal suo accompagnatore; l'autopsia disposta dal PM conferma, in particolare, che le lesioni midollari sono compatibili con una caduta dall'alto e non con un impatto a seguito di incidente stradale. 

Vengono, allora, approfondite le indagini, effettuati sopralluoghi e rilevi nel cantiere dove lavorava S.L. e interrogati gli altri operai. 

Questo consente la ricostruzione di una diversa dinamica dei fatti: secondo gli inquirenti, S.L. il 2 maggio 2011 cadde da un ponteggio mentre stava effettuando lavori di intonacatura di un'immobile in costruzione; il cognato G.R., per conto del quale lavorava, decise di inscenare un incidente stradale allo scopo di celare la circostanza che S.L. era stato assunto "in nero". 

Pertanto, lo fece accompagnare in ospedale da un conoscente, che dichiarò di averlo investito con un furgone - risultato essere di proprietà di un altro dipendente della Ditta di G.R. -. 

G.R. ha ora ammesso la propria responsabilità, indicando la vera causa del decesso di S.L.; è stato denunciato a piede libero con l'accusa di omicidio colposo.

M.D.B. è accusato di autocalunnia - si è accusato di un reato che sapeva di non avere commesso - e, insieme ad altre persone, per favoreggiamento personale - hanno aiutato G.R. ad eludere le indagini -.

L'amministratore e il socio accomandatario dell'impresa che aveva costruito i ponteggi, invece, sono stati denunciati a piede libero per cooperazione in omicidio colposo e per violazione del D.L. n. 81 del 2008 (c.d. Decreto antinfortunistica). E' stato, infatti, accertato che il ponteggio dal quale cadde S.L. - smontato il giorno dopo l'infortunio - era stato realizzato non in conformità con le norme antinfortunistica.

Roma, 14 luglio 2011               Avv. Daniela Conte 

RIPRODUZIONE RISERVATA