Teramo: Tribunale annulla sentenza di divorzio falsa

maggio 03, 2011 0 Comments A+ a-

L'Ufficio di Stato Civile del Comune di Campli, in provincia di Teramo, nel 2004 annota, a margine dell'atto di matrimonio di G.M. - pensionato 60enne di San Benedetto del Tronto - e di A.P. - 55enne casalinga di Giulianova -, una sentenza di divorzio emessa dal Tribunale di Teramo. Pochi giorni dopo, G.M. convola a nuove nozze. 

Nel 2009 A.P. si reca presso il Comune di Campli per chiedere un certificato relativo al proprio stato di famiglia e scopre quanto è accaduto. Si rivolge, quindi, al Tribunale di Teramo per vedere tutelati i propri diritti.

Il Tribunale ha accolto la domanda di A.P., ordinando all'Ufficiale di Stato Civile del Comune di Campli "la cancellazione sull'atto di matrimonio celebrato nell'aprile del 1980 tra i coniugi  G.M. e A.P. dell'annotazione della sentenza  numero 349/2004, apparentemente emessa da questo Tribunale in data 8 marzo 2004, con cui è stata pronunciata la cessazione degli effetti civili del matrimonio".

Gli inquirenti stanno cercando di risolvere il mistero dell'annotazione della sentenza - a cominciare dalla consegna materiale del provvedimento - senza effettuare alcuna verifica per anni. G.M. è stato denunciato per bigamia.

Roma, 3 maggio 2011              Avv. Daniela Conte

RIPRODUZIONE RISERVATA