La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo condanna l'Italia per l'espulsione di un tunisino, poi torturato nel suo Paese

aprile 05, 2011 0 Comments A+ a-

La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha ha condannato l'Italia al pagamento della somma di Euro 15.000,00 a titolo di risarcimento dei danni morali nei confronti di Ali Ben Sassi Toumi, cittadino tunisino, che  - tornato nel suo Paese a seguito di espulsione da parte dello Stato italiano (secondo le affermazioni di quest'ultimo) - sarebbe stato messo in carcere e torturato. 

Il cittadino tunisino era stato condannato nel 2007 dal Tribunale italiano a 6 anni di carcere per terroismo internazionale. Nel 2009 è stato liberato ed espulso dall'italia (nonostante la Corte Europea avesse chiesto di sospendere la decisione perche temeva che il tunisino avrebbe subìto maltrattamenti nel suo Paese) , perchè il governo disse di avere ricevuto rassicurazioni diplomatiche in merito alla sua sicurezza.

In realtà, una volta tornato in Tunisia, Toumi sarebbe stato messo in carcere, torturato e rilasciato a condizione che non denunciasse i maltrattamenti subìti. 

La sentenza emessa dalla Corte di Strasburgo può essere appellata. 
Roma, 5 aprile 2011             Avv. Daniela Conte

RIPRODUZIONE RISERVATA