Se l'allievo si infortuna in piscina, è responsabile anche l'istruttore

marzo 23, 2011 0 Comments A+ a-

La Corte di Cassazione, 3^ Sez. civile, con sentenza depositata in data 23 marzo 2011 ha confermato la condanna, in solido tra loro, del gestore di un corso di nuoto in piscina e del nuotatore responsabile dell'infortunio occorso ad altra nuotatrice.

Tizia sta nuotando nella stessa corsia di Caio, che procede in senso opposto, quando viene colpita al naso da quest'ultimo (che nuota "a delfino". Instaurata la controversia per il risarcimento dei danni, in primo grado vengono condannati - in solido - Caio e Sempronio, gestore del corso di nuoto; la sentenza viene confermata in appello.

Secondo i Giudici di merito, Caio è responsabile ai sensi dell'art. 2043 cod. civ. (responsabilità per fatto illecito) a causa della mancata prudenza e diligenza nello svolgimento dell'attività sportiva; Sempronio, invece, è resonsabile ai sensi dell'art. 2049 cod. civ. (responsabilità dei padroni e dei committenti), perchè - nella qualità di gestore del corso di nuoto - non ha usato la diligenza che il suo ruolo ed esperienza impongono affinchè le attività sportive si svolgano secondo norme di sicurezza (avrebbe dovuto imporre a coloro che nuotavano nella  medesima corsia di procedere nello stesso senso).

I Giudici di legittimità hanno confermato la sentenza di merito, rigettando il ricorso.

Roma, 23 marzo 2011           Avv. Daniela Conte


RIPRODUZIONE RISERVATA