9 aprile 2015

Divorzio: Giudice autorizza la consegna dei documenti tramite Facebook


Donna americana autorizzata dal Giudice a consegnare tramite Facebook i documenti del divorzio al marito irreperibile

Una giovane donna americana di origine ghanese, Ellanora Biadoo, nel 2009 sposa con cerimonia civile il connazionale Victor Sena Blood Dzraku. Victor, tuttavia, rifiuta di partecipare ad un rito di nozze tipico del Ghana, che consiste nel consegnare alla futura suocera una somma di denaro a titolo di risarcimento - detta "aseda" - a causa della perdita della potenzialità genitrice della figlia che contrae il matrimonio. Per questo motivo, il matrimonio non viene consumato e i coniugi non vanno a vivere insieme. Victor comunica a Ellanora di non avere un indirizzo dove poter ricevere posta o essere reperito e i due coniugi intrattengono rapporti tramite contatti telefonici e il social network Facebook .

L'impossibilità di consegnare i documenti del divorzio e l'istanza alla Corte Suprema di New York. La decisione del Giudice 

Ellanora decide di chiedere il divorzio, ma a questo punto sorge il problema dell'impossibilità di consegnare i documenti del procedimento giudiziale al marito. Il servizio postale comunica che non vi è alcun indirizzo registrato a nome di Victor, e quest'ultimo rifiuta di incontrare Ellanora per la consegna dei documenti del divorzio.
Allo scopo di reperire un indirizzo utile per il recapito viene anche assoldato un investigatore privato, ma senza risultati. L'avvocato di Ellanora decide, allora, di rivolgersi alla Corte Suprema di New York presentando un'istanza con la quale ha chiesto di poter consegnare i documenti del divorzio per la propria assistita tramite Facebook.

Continua a leggere l'articolo su Blasting News

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...